top of page

Quali integratori ayurvedici sono meglio per l'Autunno?


"L'Autunno, oltre a essere una stagione di transito, è anche quel momento in cui la maggior parte delle persone rientra a lavoro dopo un periodo di riposo e spensieratezza. Come sostenere questo processo di adattamento?"

Quando parlo con le persone di "sane abitudini", il più grande scoglio è quello tra la volontà di praticare una vita più su misura e l'attuare questa volontà. Come sempre la discriminante è il tempo a disposizione. Per questo da molti anni cerco di trovare soluzioni che siano sempre più alla portata e di spiegare la filosofia Ayurveda in modo semplice a comprensibile.


Purtroppo l'attuale idea di società, ha imposto ritmi di vita a dir poco stressanti, dove l'idea è quella di tener duro in attesa di momenti migliori. Ma, ormai sappiamo bene che la vita si determina nel Qui ed Ora e, che quei momenti, non arriveranno se non ci si muove nell'adesso.


Il rientro dalle vacanze per molti è uno spunto di riflessione a questo riguardo, dopo aver sperimentato giornate senza ansia, nelle quali ci si è presi il tempo per rallentare...


L'Autunno è quindi davvero un momento particolare, sia per quanto concerne i cambiamenti a livello di Elementi (il clima, l'accorciarsi delle giornate). Inizia a prendere il sopravvento Vayu (Elemento Aria); Vāyu significa ciò che si muove (in modo intenso). Una caratteristica del movimento di Vāyu è che esso avviene in tutte le direzioni e non soltanto nella direzione ascendente, come per il fuoco, e nella direzione discendente, come per l'acqua.


Il Dosha Vata si fa strada fuori e dentro il nostro corpo, "disturbando" il sistema nervoso, si rischia quindi non dormire bene, di sentirsi più agitati e, quando l'Elemento Aria sale verso l'alto, anche la qualità dei pensieri cambia, come la loro modalità. Se iniziamo ad osservarci noteremo questi cambiamenti. In Autunno inoltre, la capacità digestiva diminuisce e scappiamo quanto questa sia importante per non accumulare ulteriori tossine.


>> Nel mio Podcast troverai ulteriori indicazioni in merito >> Vai al Podcast


A riguardo di tutto questo su Instagram mi è stato chiesto: quali integratori Ayurveda è meglio prendere in Autunno?


In linea generale ci sono delle indicazioni importanti per tutti:


  • Lavorare sull'equilibrio generale dei Dosha assumendo la Triphala che possiede innumerevoli qualità, una tra queste è una dolce pulizia dell'intestino. La Triphala inoltre migliora la digestione e l'assorbimento dei nutrienti e, proprio grazie alla sua azione Tridosha, è di supporto al sistema immunitario. >> Puoi approfondire in questo articolo


  • Secondo l’Ayurveda nella prima fase dell’Autunno prevale ancora il calore accumulato durante l’estate che aggrava il Pitta Dosha ed è importante eliminare questa componente, per evitare problematiche nella seconda parte dell'Autunno dove prevale il Vata Dosha. Possiamo quindi cominciare da subito ad assumere un integratore Ayurveda per purificare il fegato.


  • Un altro integratore importante che personalmente ho già iniziato ad assumere assieme a quelli sopracitati, è il Tulsi!


Pungente, amaro, riscaldante, Equilibra tutti e tre i Dosha ma il lavoro sorprendente lo compie a livello mentale: favorisce il sonno, allevia la depressione, risolleva lo spirito e aiuta Ada ottenere una mente più centrata.

È anche utile per curare i mal di testa da tensione e, preso regolarmente, protegge dai raffreddori. Tutte queste ragioni lo rendono un potente alleato da assumere dall'inizio dell'autunno anche per l'inverno.


  • Altro fattore fondamentale riguarda il fuoco digestivo: dobbiamo agevolare Agni! La nostra alimentazione deve essere quindi più leggera, calda e digeribile. Preferire ovviamente frutta e verdura di stagione e possiamo d'are un aiuto in più al nostro fuoco, assumendo prima di ogni pasto un cucchiaino di Ghee con un po' di curcuma e un pizzico di pepe. Questa combinazione stimolerà Agni a funzionare meglio.


Come sempre l'Ayurveda ci indirizza all'auto-osservazione e a prenderci finalmente in considerazione e curarci. Come posizionarsi davanti ad uno specchio che rimanda l’immagine di noi stessi da accettare in modo equanime, nel bene e nel male e, in base aa ciò che vediamo, acquisire la consapevolezza di ciò che è meglio per noi. Allo stesso modo, impariamo a fare lo stesso con ciò che ci circonda...


Namasté




193 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page